News

Ultime News

Il privato può essere responsabile della sicurezza delle operazioni di rifacimento di coperture?

  Norme   
gennaio 22, 2011 15.05
tratto da: www.quotidianosicurezza.it/normativa/sentenze/cassazione-la-responsabilita-di-chi-effettua-lavori-in-casa-senza-sicurezza.htm

In caso di infortunio mortale sul lavoro, colui che incarica di svolgere lavori edili nella propria abitazione è ritenuto responsabile di omicidio colposo anche se il lavoratore deceduto è autonomo.

Così si espressa la IV sezione penale della Corte di Cassazione, nella sentenza n. 42465 depositata il 1 Dicembre 2010, in merito ad un episodio di caduta dall’alto occorso ad un lavoratore autonomo mentre eseguiva lavori di ristrutturazione in un’abitazione privata.

La Cassazione ha confermato il verdetto dei giudici di merito, i quali in sede di appello avevano già condannato il ricorrente perchè responsabile del delitto di omicidio colposo ex art 589 c.p.

La contestazione addebitata al ricorrente si basa sulla considerazione dei giudici che il proprietario dell’abitazione, in qualità di committente dei lavori edili da svolgersi nella sua abitazione, non aveva osservato le minime garanzie antinfortunistiche, consentendo viceversa all’operaio di svolgere detti lavori in assenza di qualsiasi tutela atta a scongiurare i rischi di caduta dall’alto.

Infatti, sia le indagini svolte che gli atti depositati avevano evidenziato lo svolgimento di attività lavorativa ad un’altezza superiore ai due metri senza l’utilizzo dei DPI, in mancanza delle cinture di sicurezza, del casco, delle impalcature, queste ultime sostituite da “alcune tavole inchiodate, senza parapetto” collegate tramite una “scala di ferro”, oltre alla mancanza di altri presidi di sicurezza.

Oltre alla generica assenza di adozione da parte del committente di qualsiasi presidio antinfortunistico, gli Ermellini hanno contestato al ricorrente di aver svolto i lavori in economia, senza una preventiva verifica della idoneità dell’operaio, tra l’altro neppure iscritto ad albi e o liste, senza la nomina di un direttore dei lavori e quindi assumendosi interamente i rischi di una tale operazione.

Dall’assunto è derivata la decisione dei Giudici Supremi di far gravare la responsabilità in toto sul committente dei lavori, considerato colpevole.

Posted in: Norme

Ultimi corsi

Nessun corso in programma

Cerca